Tosti ‘sti testi ‒ Puntata #06 ‒ A. Palmer & X. Rubinos

4 maggio 2017

Tosti ‘sti testi – Quando scatta l’ora di gettare uno sguardo ai testi delle canzoni

a cura di Seba Marvin

Nello scorso paio di decenni, l’industria musicale è profondamente cambiata. C’è chi ne ha sofferto e chi ha sfruttato nuove occasioni, c’è chi si è posto il problema di cosa fare ora e chi, come Amanda Palmer, semplicemente ha continuato a fare: musica, prima di tutto, ma non solo. La polistrumentista di Boston ha porto rose ai passanti, mandato al diavolo la casa discografica che non voleva sostenere la sua carriera, chiesto ai fan di finanziare i propri progetti artistici e, fra una cosa e l’altra, ha finito per sposare uno scrittore di successo, quando sposarsi era l’ultima cosa che pensava di fare. Poi con lui ha avuto un bambino e ha continuato a fare musica, dovendosi suo malgrado confrontare con quell’idea radicata in buona parte della società, secondo cui l’essere mamma è incompatibile con qualsiasi altra attività, soprattutto se per “attività” si intende calcare i palchi di tutto il mondo presentandosi pubblicamente come Amanda Fucking Palmer.

Ma questa puntata è dedicata soprattutto al tema dell’identità: chi siamo e come gli altri ci vedono o ci vorrebbero. Un tema che verrà affrontato anche attraverso le parole e la musica di un’altra polistrumentista della East Coast: l’assolutamente agguerrita e carica singer-songwriter Xenia Rubinos.

www.sebamarvin.com

https://www.facebook.com/tostistitesti/

Playlist:

  1. Xenia Rubinos ‒ I Won’t Say (Black Terry Cat, 2016)
  2. Amanda Palmer ‒ Guitar Hero (Who Killed Amanda Palmer, 2008)
  3. Xenia Rubinos ‒ Mexican Chef (Black Terry Cat, 2016)
  4. Amanda Palmer ‒ Want it Back (Theatre Is Evil, 2012)
  5. Amanda Palmer ‒ Machete (Singolo, 2016)
  6. Amanda Palmer ‒ Oasis (Who Killed Amanda Palmer, 2008)
  7. Xenia Rubinos ‒ Lonely Lover (Black Terry Cat, 2016)
  8. Amanda Palmer & Neil Gaiman ‒ Democracy (Leonard Cohen cover) (Singolo, 2016)
  9. Amanda Palmer ‒ Another Year (Who Killed Amanda Palmer, 2008)

L’immagine di copertina è stata creata a partire da “Egg Sandwich 6of7”, Creative Commons BY-NC-SA Food Thinkers (https://www.flickr.com/photos/joemud/)